marsi

Claudia Marsicano

marsi

Mi puoi concedere, per favore, una tua presentazione? 

Marsicano: Sono Claudia Marsicano e sono attrice, ho ventiquattro anni.

Come sei arrivata a quelli di Grock?

Marsicano: Dieci anni fa tramite una mia compagna di seconda liceo, lei faceva quelli di Grock, io invece, non avevo mai pensato nella mia vita di fare l’attrice, ho detto “dai proviamo”. Mi sono, così, iscritta al corso adolescenti e poi ho continuato, ho fatto tutto il percorso compreso il corso adulti di quattro anni e mi sono diplomata nel 2013.

Con cosa stai andando in scena?

Marsicano: Sto andando in scena con un progetto mio scritto da Francesco Alberici che è un altro ragazzo diplomato in questa scuola e attore della compagnia Quelli di Grock. Il progetto si chiama SocialMente e con altri progetti in altri teatri, uno con il “Teatro della Toscana” che si chiama Made in China, uno spettacolo di e per Van Gogh e un altro è Amleto della compagnia “Il giardino delle ore” di Erba.

Quali sono i tuoi sentimenti sul palco?

Marsicano: Calma totale.

Come trasmetti i tuoi sentimenti agli allievi?

Marsicano: Non ne ho idea, li vivo e spero di farli vivere agli allievi.

Come ti relazioni con gli altri attori?

Marsicano: C’è una prima fase di ‘annusamento’ in cui devo capire chi ho davanti: se sono prime donne, se sono caratteristi e poi c è tutta una fase di litigi totali. Infine c’ è la fase in cui si va d’amore e d’accordo quando finalmente si va in scena tranquilli.

Secondo te qual è la ricetta per riuscire sempre nello spettacolo?

Marsicano: Vivere, andare in scena vivendo esattamente ciò che ti accade in quel momento, nel senso che un giorno sono più felice, un giorno mi è accaduta magari una cosa orribile, comunque devo andare in scena, quindi farò e reciterò nel modo in cui sono in quel momento.

Il tuo preferito che hai portato in scena e in cui ti sei divertita di più?

Marsicano: Probabilmente Ignazia di Questa sera si recita a soggetto di Pirandello, è un donnone napoletano e quindi mi sono divertita molto recitare in lingua, visto che sono napoletana.

Un commento obiettivo sull’allievo Andrea Colombo….

Marsicano: Andrea è attento, molto educato, si butta, non riesce però a sporcarsi, non riesce a buttarsi completamente, perché lui si deve sistemare, si sistema i capelli, deve sempre mantenere questa apparenza da uomo perfetto e ordinato però è un ‘amorone’ e gli si vuole bene.

Grazie Mille.

mar2